Pagine

venerdì 17 dicembre 2010

I regali di Natale

Prima di entrare nel tema che ho indicato nel titolo del post, una breve divagazione: Tanti auguri a Lollo che ieri ha compiuto 2 anni.
Lollo è un amichetto della Ciopola. Ci siamo conosciuti per caso, ma forse non a caso. La Ciopola avrà avuto un paio di  mesi ed io ero in pieno baby blues. Era una grigia giornata d'inverno e finalmente la pioggia insistente che aveva contraddistinto tante giornate dopo la nascita della piccola ci aveva appena dato tregua. Spinta dall'insistenza dei nonni, uscii con la piccola per una passeggiata, anche se in realtà non ne avevo proprio voglia. Il caso volle che al mini market del quartiere le nostre carrozzine si incontrassero per la prima volta per poi incrociarsi ancora sulla strada verso casa.
A quel punto la mamma di Lollo, che è una persona aperta e cordiale, mi sorrise e iniziò a parlare con me....quell'incontro fu in qualche  modo terapeutico (come dico spesso alla mamma di Lollo tu sei stata per me un faro nella nebbia!), non ero l'unica mamma in difficoltà, c'era chi come me combatteva con nottate insonni, cercava rimedi per le colichine gassose e si sentiva un po' inadeguata nel nuovo ruolo di mamma e forse anche grazie a questo iniziò il mio lento percorso di risalita dal tunnell.
Abbiamo continuato ad incontrarci per caso e ad intrattenerci in lunghe chiacchierate, poi ci siamo scambiate i  numeri di telefono e a quel punto gli incontri sono diventati programmati e frequenti.
Abbiamo fatto tante passeggiate insieme, con i  nostri piccoli che sembravano avere davvero caratteristiche caratteriali simili quanto a vivacità, allegria, curiosità e crescita e piano piano da neonati urlanti si sono trasformati in dolci cuccioli sorridenti e scalpitanti.
Lollo ha il carattere solare della mamma, non esita a distribuire baci e carezze a tutti, è biondo, ha due fantastici occhi azzurri, è curioso e per niente intimidito dalla confusione delle feste, si butta nella mischia da protagonista. E' uno degli amici preferiti della Ciopola e da quest'anno frequentano anche lo stesso Nido.
Ieri Lollo ha spento la sua seconda candelina ed è stato bello esserci.
Chiusa la parentesi, parliamo di regali. A parte un ultimo regalo ancora da comprare, per quest'anno lo shopping natalizio si è concluso.
Ieri, però mi è caduto l'occhio su una scatola in garage contenete un regalo degli anni passati cioè un soprammobile piuttosto ingombrante: una donnina stile Botero, adagiata seminuda su un pianoforte.
Guardando meglio di regali inutilizzati in garage ce ne sono davvero tanti, una vera galleria degli orrori a mio avviso:
- biscottiera in ceramica con disegni floreari sul blu (subito cassata perchè poco pratica);
- sale e pepe a forma di mucca dentro un piccolo contenitore in legno a forma di cassetta della frutta;
- gancio da muro biadesivo in ceramica con la faccia da pupazzo di neve e il naso di pinocchio;
- presina rossa;
- cestino metallico rettangolare argentato;
- cestino di vimini con manici rosso e verde (se non ricordo male conteneva un pout pourri floreale);
- antipastiera in ceramica bianca;
- tazze da colazione con annessi piattini appese ad una struttura metallica (inguardabili)
Mi ero ripromessa di rifilare questi e altri orrori a qualcun'altro, insomma riciclare, ma è più forte di me...non ce la faccio a donare agli altri qualcosa che mi sembra già tremendamente orrendo.
Voi che opinione avete al proposito? Qual'è il regalo di Natale più orrendo che avete ricevuto?
Prometto, se vi fa piacere, di aggiornare la mia lista degli orrori, credo di poter scovare qualche altro oggetto che al momento ignoro.

4 commenti:

MammaMoglieDonna ha detto...

Una cornice in legno che dire orribile è poco! Antica e brutta, ma proprio brutta! Quel che è peggio è che me l'ha regalata il mio ADORATO fratellino lo scorso anno per Natale... A lui perdono sempre tutto, ma come ha fatto a fare una ca...ta simile, non lo so!

Mammabradipo ha detto...

Più che orrendi a me stanno sulle palle quelli inutilizzati...tipo una cornice digitale (ma che io adesso tengo una roba attaccata alla corrente tutto il giorno per vedere 2 foto???)...roba costosa anche...che mi dispiace un sacco per chi me l'ha regalata ma proprio non ho nè lo spazio nè la voglia di usarla... :(

le Frufrù ha detto...

ciao!!!
Che bello sentire la storia della Ciopola e di Lollo e di queste due mamme che il fato ha unito.
Io ci sto pensando ad un bambino...e sentirti parlare certe volte mi da qualche certezza perche' penso che se mai avro' bisogno saprò a chi chiedere in merito a coliche e dentini:D

I tuoi regali orrorifici sono notevoli:D! Il peggiore e' forse il pupazzo di neve con naso da pinocchio! Ma quanto e' inutile?
Regali brutti? Of course!
Il peggiore?
BHe... un campioncino di profumo!
Si! In un negozio se facevi spesa davano delle bottigliette di profumo "puzzone" in omaggio .
Una mia amica, pensando forse che non andassi in quel negozio, ha ricevuto questo omoggio (bottiglietta da 10 ml di profumo puzzone) e ha pensato bene di infiocchettarlo e propormelo tipo un profumo buonissimo in taglia mini.
Beh...non ci ha speso manco 50 centesimi...peggio di cosi:D!
Un bacio e scusa se mi sono dilungata!
chiara

serenamanontroppo ha detto...

Care ragazze dai vostri commenti ho capito di essere in buona compagnia sul fronte dei regali orrendi.
Per altro, se vi interessa, ne ho scovati altri due:
1) una candela hand made, con il gel (non sono mai riuscita ad accenderla tanto era orrenda!)
2) una cornice fatta con foglie di fico o simili (che si è scollata praticamente subito).
Comunque al primo posto nella classifica dei regali peggiori rimane il già citato soprammobile con la donnina cicciotta adagiata sul pianoforte.
@federica (ovvero mmd): talvolta le persone che riteniamo più vicine e che pensiamo conoscano i nostri gusti, prendono abbagli pazzeschi (soprammobile docet)
@bradipo: condivido il tuo pensiero, anche a me stanno sulle scatole i regali inutilizzati. Credo che facendo un regalo si debba valutarne anche il potenziale utilizzo, di chi lo riceve (non sempre costoso significa utile).
@Chiara: un figlio è uno tsunami esistenziale (come dice una nota blogger) però avere qualcuno con cui condividere le piccole, grandi difficoltà da neomamma aiuta tantissimo!
Beh, il tuo regalo orrendo è stato davvero il peggio del peggio: puzzone e riciclone...buuuuuuuuuhhhhhh! :-)